AGEVOLAZIONI TARI

Il consiglio comunale ha approvato le agevolazioni sulla Tari-Tassa sui rifiuti per le famiglie con reddito Isee fino a 22.000 euro

Data:
01 Luglio 2021

TARIFFA RIFIUTI, A PADENGHE IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA AIUTI MIRATI

L’amministrazione comunale modifica il regolamento della Tari prevedendo sconti legati al reddito Isee

 

Il consiglio comunale di Padenghe di martedì 29 giugno ha deliberato, tra l’altro, importanti novità in tema di tariffe e agevolazioni della Tari - Tassa su rifiuti per il 2021.

Per legge le tariffe devono coprire il 100% dei costi di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, come calcolati dal “Piano economico finanziario” (PEF). La spesa ammonta per il 2021 a 1.228.469 euro, con una differenza di 58.742 euro in più rispetto al 2020. Le voci sono suddivise, anche in bolletta, in costi fissi, quelli legati agli investimenti e alle strutture di raccolta e smaltimento, e costi variabili, quelli legati alla quantità di rifiuti prodotti.

Il consiglio ha quindi approvato una revisione delle tariffe, applicando i coefficienti minimi previsti per i comuni del Nord Italia con popolazione inferiore a 5.000 abitanti.

Pur rispettando il vincolo della copertura totale dei costi, il Comune può modulare le tariffe del servizio in modo da agevolare alcune categorie. Per esempio nel 2020, durante l’emergenza Covid, la parte variabile della tariffa era stata abbattuta forfetariamente del 20% per le utenze domestiche e fino all’80% per quelle non domestiche.

Visto il perdurare dell’emergenza Covid anche per buona parte del 2021, l’amministrazione comunale ha introdotto misure più incisive, andando a modificare il regolamento Tari nel punto in cui prevede riduzioni legate al reddito familiare. Si tratta di agevolazioni finora poco utilizzate, anche per via dei limiti di reddito stringenti.

Con la modifica attuata, per redditi Isee fino a 12.000 euro l’intera tariffa (parte fissa e parte variabile) sarà ridotta del 50%; per redditi fino a 17.000 euro ridotta del 30% e per redditi fino a 22.000 euro sarà ridotta del 20%.

Da alcune stime e simulazioni si ricava che una famiglia con due genitori che lavorano entrambi, due figli piccoli, casa di proprietà e un mutuo in corso rientrerebbe nella soglia di parziale riduzione. Una famiglia monoreddito con un figlio piccolo e casa in affitto pagherebbe invece solo la metà della tariffa.

«Padenghe ha i redditi più alti della Provincia di Brescia» – dichiara l’assessore al Bilancio Roberta Gandelli - «e non servono aiuti a pioggia, che rischiano di disperdersi in pochi euro a testa, bensì mirati in base alle diverse situazioni familiari e più consistenti».

Le domande vanno presentate entro il 1° dicembre 2021 sul modello allegato al regolamento e disponibile presso gli uffici comunali.

Per quanto riguarda le utenze non domestiche, per il 2021 sono confermate le riduzioni già stabilite per il 2020: l’80% della quota variabile della tariffa per bar, ristoranti, campeggi e alberghi e il 30% per le attività artigianali e industriali. Il minor gettito, stimato in 140.000 euro, sarò coperto con il fondo Covid.

Come ulteriore agevolazione, il termine per il pagamento della prima rata Tari è stato posticipato al 16 ottobre. La seconda rata si pagherà come sempre entro il 16 dicembre.

«Nel 2021 non siamo ancora fuori dalla crisi» - commenta il sindaco Albino Zuliani - «e queste nuove agevolazioni saranno utili alle famiglie monoreddito, a quelle con più figli, in affitto o con un mutuo da pagare. Sono tutte situazioni di basso reddito Isee senza essere di vera e propria difficoltà economica».

L’Isee, si ricorda, tiene conto sia dei redditi che dei risparmi e della casa di proprietà, bilanciando le entrate con il numero e le necessità dei componenti, fornendo un indicatore sintetico della maggiore o minore “ricchezza” familiare.

https://comune.padenghesulgarda.bs.it/notizie/470649/agevolazioni-tari

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 21 Luglio 2021